SEI IN > VIVERE VITERBO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Acquapendente: tra i primi 10 comuni del Lazio per la raccolta differenziata

1' di lettura
6

Nella raccolta differenziata dei rifiuti, Acquapendente si piazza tra i primi dieci comuni della regione tra quelli di medie dimensioni.

L'attestato di Legambiente Lazio, in seguito al riconoscimento ottenuto lo scorso dicembre a Roma in occasione dell'ottava edizione dell'annuale Ecoforum dell'associazione, è stato consegnato in un evento svoltosi a Viterbo presso lo Spazio Attivo Lazio Innova, con il contributo di CONAI e il patrocinio della Regione Lazio.

Per l'occasione hanno ricevuto l'attestato i comuni "ricicloni" delle province di Viterbo e Rieti. In rappresentanza dell'amministrazione comunale di Acquapendente ha partecipato l'assessore all'ambiente Glauco Clementucci.

In particolare, Acquapendente si è classificato al decimo posto nel Lazio con un ottimo 77,89% di raccolta differenziata, in compagnia di altri comuni della Tuscia come Nepi (primo classificato), Vetralla, Vitorchiano, Capranica e Canino, tutti rientranti nella categoria dei comuni medi, cioè compresi tra 5000 e 50.000 abitanti. I dati sono relativi all'anno 2022.

"Per il Comune di Acquapendente è un grande onore ricevere questo riconoscimento - commenta l'assessore Clementucci - e per questo ringraziamo i cittadini e l'impresa operatrice della raccolta rifiuti, perché è grazie al loro impegno, senso civico e professionalità che abbiamo raggiunto un importante risultato in tema di raccolta differenziata e di tutela dell'ambiente. Anche in futuro abbiamo in programma ulteriori misure e iniziative per incrementare ancora di più le buone pratiche di differenziazione e riciclo dei rifiuti, nell'ottica di una sempre maggiore attenzione verso la sostenibilità".

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Viterbo .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereviterbo o Clicca QUI.




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-01-2024 alle 10:11 sul giornale del 27 gennaio 2024 - 6 letture






qrcode