Il Consiglio approva la rimodulazione del piano di rientro dal disavanzo al 31 dicembre 2014

1' di lettura 16/06/2022 - Ridotta la durata di 5 anni, essendo stati versati circa 110 milioni in più rispetto al piano iniziale. Restano da ripianare poco più di 278 mila euro su 656 milioni.

Il Consiglio regionale del Lazio mercoledì ha approvato a maggioranza la proposta di delibera consiliare n. 82, relativa al piano di rientro dal disavanzo al 31 dicembre 2014, ai sensi dell’articolo 9, comma 5, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 125. Il Consiglio ha anche assunto l’impegno di evitare la formazione di ogni ulteriore potenziale disavanzo.
Il disavanzo di parte corrente risultante dal rendiconto 2014 ammontava a euro 655.804.702,95. Dal 2016 al 2021, è stata ripianata la somma di euro 376.722.491,94. La quota residuale del disavanzo di parte corrente ancora da ripianare, ammonta a euro 278.362.211,01, secondo il seguente piano dal 2022 al 2029: sette rate annuali di euro 36.836.560,87 dal 2022 al 2028; ultima rata di euro 20.506.284,92 nel 2029.
La rimodulazione del piano riguarda la durata, che viene accorciata di 5 anni, visto che nel corso del periodo che va dal 2016 al 2021 si è proceduto alla restituzione di una quota supplementare rispetto a quella prevista, pari a quasi 110 milioni di euro. Pertanto, il nuovo piano di rientro terminerà nel 2029 e non più nel 2034, come inizialmente previsto.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Viterbo .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereviterbo o Clicca QUI.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-06-2022 alle 10:50 sul giornale del 17 giugno 2022 - 100 letture

In questo articolo si parla di economia, roma, lazio, comunicato stampa, Consiglio Regionale del Lazio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dbrx





logoEV
logoEV